Love in the Palace – L’amore a Palazzo
Capitolo 1 – Testo a fronte

JADE

“Jade! Jade!” 

“Yes, Madam!” 

“What’s taking you so long?! Hurry up! Clean the floor! Prepare new sheets for My Lord’s sleeping chamber! Mine as well!”

“Y-yes Madam.” I sigh, keeping aside the mopping cloth in my hands. Seems like I’ll have to clean the front yard and the gates later. I head over to My Lord’s sleeping chamber. I’ve always hated to be there. I know that he’s got something towards me. He’s always been looking at me inappropriately, pretending to accidentally bump into me often. But I can’t say anything, or the jealous Madam will take it out on me. Despite knowing that My Lord’s never a faithful husband, she chooses to defend My Lord than me, this lowly servant. She’ll lose face knowing that My Lord would rather touch me than sleeping with her. From what I’ve heard, it’s been half a year since My Lord summoned her to his sleeping chamber.

I carefully carry the new sheets over to My Lord’s room at the second floor. Luckily he’s not there, maybe out to do his duty as a government official.

 
I push open the windows, the sunshine breaks through. The fresh air seeps in, the smell soothing. I look at the silhouette of the mountain far away, starting to miss my parents. Are they still alive? I should be hating them for selling me. But I know, it’s for our survival. I might have died if I were to stay by their side. They too, would’ve died with me as an extra burden.

“What are you doing?” I’m snapped out of my daydream, turning around to find a black-haired brown-eyed girl, looking the same age as me. Her hair is half-pulled up, decorated with yellow ribbons while some delicate-looking white magnolia flower and pearl pins snuggle comfortably on her nest of hair. In her hands are some snacks I can never savor in my whole life, which name I could never memorize. She’s the only daughter of this family, the Leanne family, Lily Leanne.

 
“C-cleaning, My Lady.”

“Then clean properly!” She throws the rest of the cake on the floor before purposely kneading it with her foot, completely destroying what could’ve been a life savior to someone else. Smirking, she turns her back on me, giggling away as she exits My Lord’s sleeping chamber. I’m used to it, to people in this house bullying me. It’s already nothing, since they can’t come up with something new to torture me with.

I finish doing what Madam has asked me to, then move on to doing other senior servants’ work, then….mine. 

“Jade!” A light voice, calls out my name from far behind. I turn around, finding a pale-skinned girl with freckles on her face, her eyes brighten up in delight.

“Rowena!” She lifts up her skirt slightly, running towards me with something in her rough hand, caused by too much house chores. Mine too, are no different. Rough, peeling skin with red patches. Sometimes, even in the winter, we have to wash the clothes out in the cold. The cold-as-ice water is tormenting, but we can’t help it.

“The kitchen lady gave me this! Let’s share!” She opens her hand, in her palm are two pieces of some snacks, which reminds me, I have yet to take my dinner due to how busy this whole day has been. I gladly take one, biting it, letting the sweetness explodes, creeping into every corner of my mouth.

 
“It’s so delicious!” She says, smiling. I return her smile, lifting the basket of dirty clothes up, holding it tightly.

“Washing clothes?” Rowena asks.

“Yeah.”

“But the sun has set!”

“I can still see. Now, I’ll go first!” I exit the huge house via the backdoor. Slowly pacing my way to the river, I overhear some people gossiping about the palace is going to hire more  young palace-servants as the senior ones have been released. I always wonder, how big is the palace? How does the life of a palace-servant feel like? This house is the biggest in this province and I’ve never been to the capital. Like what they call, I’m just a mere frog in the well.

 
After I’m done washing the clothes and squeezing them dry, I hurry back as the night sky has fallen. I hang them at the backyard before running back to the servants’ sleeping chamber. Tomorrow’s gonna be the same, busy day as today.

“No! They want our Lily to go as the palace servant?! Never! She’s a government official’s daughter! How could she be considered as on par with those palace servants?! She’s definitely higher than them!” I overhear Madam screaming at My Lord. My Lord sighs, he himself not knowing what to do. He realizes that he’s just a lowly official, nothing comparable to those ministers and generals that he often talks about with his fellow government officials he invites to the house.

“But who else can go from this house?! They want every single house to surrender someone suitable enough to be the palace servant candidate! Lily is the only one suitable for that!”

“And you want to waste the upcoming concubine selection?! I’ve already been educating Lily to prepare herself for that! Ask any other servant to be the candidate! Anyone but Lily!” I gasp, my hand hits into the wall, attracting the attention of the two.

“Who?!” Madam shouts, her eyebrows furrow and her eyes sharp as eagles. She quickens her steps to me, grabbing my hand as I look up at her, scared.

 
“Jade?” She chuckles, an evil smile clearly evident on her face. She turns around to look at My Lord.

“Put her name in our family’s registry, we should send this little servant as a candidate.”

“N-no…” A faint whimper escapes my lips, my eyes grow wide as Madam glares down at me. In the blink of an eye, a shadow fast as lightning slaps my cheek. It turns out numb at first, then hot and pain follows. I look down, scared. Afraid. I try my best to hold back my tears.

 
“You’re the slave of this house. I bought you, now you listen to me and return all the favors you’ve owed me!” Madam pushes me down, letting me fall on the floor. My vision blurs as drops of tears roll down by cheeks, for real this time. I’m helpless now, I don’t want to go as a palace servant.

 

In the palace, where servants have to either stay in there forever without freedom or to be married off at a certain age where a woman has already lost all her beauty and glory, servants have no freedom. Not at all. You can’t go out of the palace walls without permission. And there’s almost no reason you can come up with to get the permission. Servants and guards in the palace are basically birds in steel cage with the lost key. Either burn the cage or they’ll die there.

Moreover, I’ve heard that the Emperor is someone who unhesitatingly orders any servants or commoners to his sacred sleep chamber. Even the Empress can do nothing about it. He’s the Emperor, the Heaven’s son. Who can go against him?

“Jade.” Rowena grasps my hand, noticing that it’s trembling. She tightens her grasp, pulling me into a hug. We both fall into silence, she sobs quietly, trying to hide it from me.

“I don’t know why is it me.” I ask her as she pulls herself away from me. We all know, the chances of every female servant getting summoned to the Emperor’s sleeping chamber is high. It’s really really high unless you’ve been personally assigned to serve his children and wives. But even so, once the Emperor has his eyes on you although you’re the Empress’ personal servant, you must serve him no matter what. This has been enlightened to the public every five years when they release the senior servants, who in turn reveal what life is like behind the walls of the palace. Most of them are no longer virgin and have lost their only value as a woman. They often become secondary wives of some lowly merchants, or even the wives of some poor farmers. Some don’t even come out of the palace alive.

No one wants to end up like that. Including me.

“The date of surrender is in two days.” She says. I know, I’ve been taught a little by Madam, mostly about how to be obedient and how to persevere. They are not important. What’s important is how to survive not being caught by the Emperor or how to avoid him.

I’ve been dressed in light blue, the uniform that the messengers had delivered to each houses before. It’s simple, specially designed so as to not reveal our beauty and cover up as much skin as possible. I’m currently waiting by the front gate, with My Lord and Madam putting a pretentious cry to show to public how much they dote me. To show to the palace official who will be fetching me later that I’m Leanne’s family’s daughter and how heroic of them to have surrendered their daughter as a servant candidate.

I hear the trotting of horses, the silhouette of several wagons appear from afar. My vision blurs again as tears start to swell on my lower eyelids.

“Don’t cry you little damned slave!” Madam pinches my arm, hard. I wince at the pain, biting back my scream. The wagon has carried many young girls. Some look unexpectedly delighted as they don’t know what’s ahead of them while the others look gloomy.

 
“Go, my dear Jade. Don’t forget about us.” Madam pushes me forward towards the wagon. The looks in her eyes clearly show that what she’s said earlier means something else. She wants me to return the favor if I ever become the Emperor’s concubine. It is possible if you’ve gained the favors of the Emperor.

I climb the wagon, positioning myself at the corner. Once the wagon starts shaking and moving, it’s time for me to realize that I should stop dreading my fate and submit to it, by surviving the palace life.

 

The shaking of the wagon stirs up dizziness among almost all the girls, after about half a day without rest, the capital city appears from the horizon. As we get nearer, twenty eight pairs of eyes belonging to the servant candidate widen in awe. We are all dumbfounded by the size of the capital, huge, extremely huge. My hometown is nothing compared to this. Maybe it’s just a grain of sand in a jug of rice.

 
The wagon moves forward again, entering the gate of the city. People bustling around in the market area, merchants moving around here and there, advertising their goods to potential customers with their loud voices, workers pushing carts and unloading loads of goods from wagons. Everything is simply fascinating.

But I notice that everyone on the streets are staring at us, as if we are weird human beings, weird creatures on display. I look around, everyone looks solemn, extremely disappointed that the palace is drawing near. I sneakily take a peek out of the via the front opening where the coachman is, seeing only bricks other than the coachman and the horse themselves.

“Come down! We are here!” A hoarse female voice orders us from outside the wagon. She’s probably old, around sixty, judging from her voice. Everyone in the wagon jumps down, and it appears that there are two more wagons at the back, all filled with servant candidates as well. I turn around, my hands unintentionally cover my mouth, my eyes widen as I’m dumbfounded. The palace wall. It’s… Extremely high, wide, limitless into the horizon. It’s impossible to escape indeed, seeing the number of guards they place at the gates.

Here, from here on. My life is already shaped. I can already predict my future, how I’ll stay here forever. Today, will mark the end of the hopes that I’ve been harboring for these fifteen years. The hopes where I, Jade Yeva or Jade Leanne in the government’s documents, would one day be free of my servant life.

 
 
 
 
 
 
 

Love in the Palace © Copyright ponytailedClaire.

 

JADE

“Jade! Jade!”

“Sì, Madam!”

“Perché ci metti così tanto?! Sbrigati, pulisci il pavimento! Prepara delle lenzuola nuove per la camera da letto del Milord! Anche per la mia!”

“Sì, Madam”, sospiro mettendo da parte gli stracci che avevo tra le mani e con cui stavo lavando. A quanto pare avrei pulito più tardi il cortile e gli ingressi. Mi dirigo verso la camera da letto del Milord. Ho sempre odiato trovarmi lì, so che prova qualcosa nei miei confronti. Mi guarda sempre in modo inappropriato, fingendo spesso di urtare accidentalmente contro di me. Ma non posso dire nulla, o la gelosa Madam se la prenderebbe con me. Nonostante sappia che il Milord non è mai stato un marito fedele, sceglie di difendere lui e non me, l’umile serva. Perderebbe la faccia se sapesse che preferirebbe toccare me a dormire con lei. Da quello che ho sentito, sono passati più di sei mesi da quando l’ha convocata nella sua camera da letto.

Con attenzione, porto le lenzuola nuove nella stanza del Milord al secondo piano. Per fortuna non è lì, forse è uscito per compiere i suoi doveri di funzionario del governo.

Apro le finestre e inizia a penetrare la luce. Si diffonde l’aria fresca, il cattivo odore si dilegua. Guardo il profilo della montagna, lontano, e comincio a sentire la mancanza dei miei genitori. Saranno ancora vivi? Dovrei odiarli per avermi venduta, ma lo so, è per la nostra sopravvivenza. Sarei potuta morire se fossi rimasta con loro. Anche loro sarebbero morti, sarei solo stata un peso in più.

“Cosa stai facendo?”, di scatto vengo trascinata via dal mio sogno ad occhi aperti e quando mi giro, trovo una ragazzina con i capelli neri e gli occhi castani che sembra avere la mia stessa età. I suoi capelli sono per metà raccolti, decorati con nastri gialli, ci sono delicati fiori di magnolia e forcine di perle comodamente rannicchiati sul suo nido di capelli. Nelle mani tiene dei dolcetti che non ho mai assaggiato in vita mia e il cui nome non sono mai riuscita a ricordare. È l’unica figlia della famiglia, la famiglia Leanne, Lily Leanne.

“Pulisco, Milady”.

“Allora pulisci bene!” Butta il resto della torta sul pavimento prima di sformarla di proposito con il piede, distruggendo completamente quello che per chiunque altro sarebbe stato un sapore. Sorride compiaciuta mentre mi volta le spalle e sogghignando esce dalla camera del Milord. Ci sono abituata alla gente che in questa casa mi tratta con prepotenza. È già tanto che non si inventino nuovi modi per torturarmi.

Finisco di fare quello che Madam mi ha chiesto, poi passo al lavoro delle serve più anziane, infine… al mio.

“Jade!”, mi sento chiamare da una voce sottile dietro di me. Mi giro per trovare una ragazza dalla carnagione pallida con le lentiggini sul viso e gli occhi illuminati dalla gioia.

“Rowena”. Si alza lentamente la gonna, correndo verso di me con qualcosa tra le mani ruvide per via delle numerose faccende domestiche. Le mie non sono poi diverse. Ruvide, con la pelle screpolata e le macchie rosse. A volte, anche in inverno, dobbiamo lavare i vestiti fuori al freddo. L’acqua ghiacciata è un tormento, ma non possiamo evitarla.

“La ragazza della cucina mi ha dato questo! Dividiamolo!” Apre la mano e nel palmo ci sono due pezzi di dolcetto che mi ricordano che devo ancora cenare visto quanto è stata piena la giornata. Ne prendo volentieri uno, lo mordo, lasciando che la sua dolcezza esploda, spargendosi in ogni angolo della bocca.

“È davvero delizioso!”, dice lei sorridendo. Rispondo al sorriso, mentre sollevo il cesto dei vestiti sporchi e lo tengo stretto.

“Vestiti da lavare?”, mi chiede Rowena.

“Sì”.

“Ma il sole è tramontato!”

“Riesco ancora a vederci. Vado io per prima”. Esco dall’enorme casolare dalla porta posteriore. Percorrendo a passi lenti la strada per il fiume, sento alcune persone spettegolare che il Palazzo vuole assumere altre giovani serve visto che quelle più anziane sono state liberate. Mi chiedo sempre: quanto è grande il Palazzo? Come sarà la vita dei servitori? Questa casa è la più grande della provincia e non sono mai stata nella capitale. Come dicono da queste parti, sono solo una rana in un pozzo.

Appena finisco di lavare e di strizzare i vestiti, torno indietro di fretta perché ormai si è fatto buio. Li stendo nel cortile sul retro prima di correre verso la stanza da letto della servitù. Domani sarà un’altra giornata piena come questa.

“No! Vogliono che la nostra Lily diventi una serva del Palazzo? Mai! È la figlia di un funzionario del governo! Come può essere considerata alla stregua di quelle serve? È sicuramente superiore”, sento gridare Madam al Milord. Sospira, neanche lui sa cosa fare. Si rende conto che è solo un umile funzionario, niente in confronto a quei ministri e generali di cui spesso parla con i colleghi che invita a casa.

 
“Ma chi altri potrebbe andare? Vogliono che ogni casa ceda una candidata idonea a essere una serva del Palazzo. Lily è l’unica soluzione!”

 
“E vuoi mandare al vento l’imminente selezione delle concubine? Ho già educato Lily perché sia pronta! Chiedi a un’altra serva di essere la candidata. Chiunque ma non Lily!” Ansimo, la mia mano colpisce il muro, attirando l’attenzione dei due.

“Chi?”, grida Madam con la fronte corrugata e gli occhi aguzzi come quelli di un’aquila. Aumenta il passo verso di me e mi afferra la mano, mentre io la guardo spaventata.

“Jade”, ridacchia con un sorriso palesemente maligno sul volto. Si gira a guardare Milord.

“Metti il suo nome sul registro di famiglia, manderemo questa servetta come candidata.”

“No…”, un debole piagnucolio mi scappa dalle labbra, i miei occhi si spalancano mentre Madam mi sta fissando. In men che non si dica, un’ombra veloce come un fulmine mi colpisce la guancia. All’inizio sento solo torpore, poi comincia a bruciare e a fare male. Guardo in basso, spaventata. Impaurita. Faccio del mio meglio per trattenere le lacrime.

“Sei una serva in questa casa. Ti ho comprata, ora ascoltami e restituiscimi i favori che mi devi!” Madam mi spinge contro il pavimento, facendomi cadere. La mia vista si offusca quando le lacrime mi scorrono sulle guance, stavolta davvero. Non ho speranze adesso, non voglio essere una serva del Palazzo.

Lì dentro, dove le serve sono costrette a rimanere per sempre o a essere date in mogli ad un’età in cui una donna ha ormai perso tutta la sua bellezza e gloria, non c’è libertà. Per niente. Non puoi uscire dalle mura del Palazzo senza permesso. E non c’è nessun motivo da inventare per avere il permesso. Le serve e le guardie sono fondamentalmente uccelli in una gabbia di acciaio per cui è stata gettata la chiave. O bruci la gabbia o moriranno lì dentro.

 
In più, ho sentito che l’Imperatore dà ordini senza sosta a qualunque servo o cittadino comune nella sua sacra stanza da letto. Neanche l’Imperatrice può farci qualcosa. È l’Imperatore, il figlio del Cielo. Chi può contrastarlo?

“Jade”, Rowena afferra la mia mano vedendo che sta tremando. Aumenta la presa e mi stringe in un abbraccio. Tutte e due restiamo in silenzio, lei singhiozza piano cercando di nasconderlo.

“Non so perché è toccato a me”, le chiedo, mentre si allontana. Lo sappiamo tutti, ci sono alte possibilità che una serva venga convocata nella stanza da letto dell’Imperatore. Ancora più alte se non sei stata personalmente assegnata a servire i suoi figli e le sue mogli. Ma anche in questo caso, anche se sei la serva personale dell’Imperatrice, una volta che l’Imperatore ti ha messo gli occhi addosso devi servirlo senza discussioni. Questo viene spiegato alla popolazione ogni cinque anni quando le serve più anziane vengono liberate e a turno raccontano la vita che si nasconde dietro le mura del Palazzo. Molte di loro non sono più vergini o hanno perso ogni valore come donne. Spesso diventano le seconde mogli di un umile mercante, altre le mogli di un povero contadino. Alcune non ne escono vive.

Nessuno vuole fare questa fine. Neanche io.

“La cessione è tra due giorni”, dice. Lo so, Madam mi ha insegnato qualcosa, soprattutto ad essere obbediente e a perseverare. Ma non sono cose importanti. L’importante è sopravvivere senza farsi notare dall’Imperatore, oppure evitarlo.

 

Mi hanno vestita d’azzurro, con l’uniforme che i messaggeri avevano lasciato precedentemente ad ogni casa. È semplice, disegnata specificatamente per non rivelare la nostra bellezza e coprire il più possibile la nostra pelle. Al momento aspetto al cancello principale, accanto a Milord e a Madam che fingono di piangere per dimostrare alla gente quanto stravedono per me, per dimostrare al funzionario di Palazzo che poi mi porterà via che sono la figlia della famiglia Leanne, che è un atto eroico da parte loro aver ceduto una figlia come candidata serva.

Sento il trotto dei cavalli, il profilo di alcuni carri si delinea all’orizzonte. La mia vista si offusca di nuovo quando le lacrime cominciano a salirmi agli occhi.

“Non piangere, piccola serva maledetta!”, Madam mi pizzica forte il braccio. Sussulto per il dolore, trattenendomi dall’urlare. La carrozza porta molte giovani ragazze. Alcune sembrano apparentemente felici perché non sanno cosa le aspetta mentre altre sono malinconiche.

“Va’, Jade cara. Non dimenticarti di noi”. Madam mi spinge verso la carrozza. Lo sguardo nei suoi occhi mostra chiaramente che intende qualcos’altro. Vuole che le restituisca il favore semmai diventassi la concubina dell’Imperatore. È possibile se hai ottenuto i suoi favori.

Salgo sulla carrozza e mi metto nell’angolo. Non appena inizia a muoversi e a traballare, è il momento di comprendere che devo smetterla di temere il mio fato e che devo accettarlo, sopravvivendo alla vita del Palazzo.

Il traballare della carrozza fa venire la nausea a un bel po’ delle ragazze, e dopo quasi mezza giornata senza soste, la capitale appare all’orizzonte. Mentre ci avviciniamo, le ventotto paia di occhi delle candidate serve si spalancano dallo stupore. Siamo tutte sbalordite dalla grandezza della capitale, infinita, assolutamente infinita. La mia città natale non è niente a confronto. Forse è solo un granello di polvere in una giara di riso.

La carrozza continua ad andare avanti e supera la porta della città. La gente è agitata nella zona del mercato, i venditori si muovono dappertutto, sbandierando prodotti a potenziali clienti con i loro vocioni, i facchini spingono carretti e scaricano beni. Ogni cosa è semplicemente affascinante.

 
Ma noto che per la strada ci stanno fissando tutti, come se fossimo degli strani esseri viventi, strane creature in mostra. Mi guardo intorno, tutte sembrano serie, molto deluse che il Palazzo si avvicini. Lancio uno sguardo furtivo dall’apertura frontale dove sta il cocchiere, ma, oltre a lui e ai cavalli, vedo solo mattoni.

 
“Scendete! Siamo arrivati!”, ci ordina una rauca voce femminile fuori dalla carrozza. Probabilmente è vecchia, sulla sessantina a giudicare dalla voce. Tutti scendiamo e pare che ci siano altri due carri dietro, entrambi pieni di candidate serve. Appena mi giro, le mani mi coprono involontariamente la bocca, gli occhi si spalancano dallo stupore. Le mura del Palazzo. Così alte, spesse, infinite all’orizzonte. È assolutamente impossibile scappare visto il numero di guardie ad ogni uscita.

 
In questo momento, da questo momento in poi la mia vita è segnata. Posso già predire il futuro: resterò qui per sempre. Oggi segna la fine delle speranze che ho serbato per questi quindici anni. Le speranze per cui io, Jade Yeva o Jade Leanna nei documenti del governo, un giorno mi sarei liberata dalla mia vita da serva.

 
 
 
 
 

L’amore a Palazzo © Copyright traduzione Michela D’Amico.

 

Vota questa traduzione!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

 

Lascia un commento!