CHAPTER 4

That night I was sat in my kitchen with a glass of champagne, when I finished it I thought “wow, I really need another drink.” Perhaps this case was even turning me alcoholic. But this made me think, if I infiltrated the bars in York maybe I could find him. It’d be like the “needle in a haystack,” that old chestnut. I’d be out all night, not going to deny that sounded appealing; but I’m not as young as I used to be. Sure, there were several bars in York; but I doubted there were many Pierre’s. Personally, I’m not a fan of social media, but here I used it to my advantage. I searched the site, “PeopleTalk” that I joined years ago, soon lost interest. Just scrolling through the same old peoples boring stories that aren’t actually accomplishing anything, and what they do happen to accomplish they choose to post it to this site before telling their family. Odd.

 
 
Anyway, I searched “Pierre” just that. That’s all that I had to work with. After a few scrolls, a “Pierre Lincoln” came up, said he lived in York, and worked at Lola’s Bar. I knew I was onto something here, the boxes were ticked. So I put on my coat, got up the map on my phone and made my way.

If I had to sum the place up in 3 words: claustrophobic, tacky, neon. Although the neon may fall under the tacky category. I’m a man of balance, everything in moderation. The amount of neon lights in this place was not in moderation, baring in mind the bar was rather small. I struggled to see due to the smokiness of the room, it was tinted red from the lights. The people in here looked young; mid-twenties and younger I’d have said. I sat on a stool on the end of the bar, a guy came over- with a curly head and ridiculously white teeth. To be fair it could have been because of the lighting. I squinted desperately to read his name badge, J… Ja… Jad?

“Is there a problem Sir?” He said, at least he was polite.

“Oh I’m sorry,” I laughed, “I’m just trying to read your name but it’s difficult to see in here.

“Jack,” he smiled.

“Jack, I’ll have a glass of your best wine, please.”

 
“Wine kind of guy are you?” He asked.

“Wine and champagne really,” I replied, he nodded. As he poured the bottle into the glass, I noticed the shape of the glass was the same peculiar shape as the bottle that I found at Josie’s. This must have been where she got her fix.

A guy much older than the one before me came over, I couldn’t quite make out what he said due to the music, but I heard Jack reply, “Yeah he’s coming off his break soon so I’ll go then mate.” Then the older man left.

“Who was that?” I enquired.

“Oh just the boss, meant to get my break soon just waiting for another lad to get back.”

“What was his name?” I further enquired. He appeared dumbfounded by my question.

“Martin. Why? You haven’t actually got a problem have you Sir? Because I’ll sort it out for you I swear-“

“No, no everything is fine, thank you,” I gave a curt smile. The panic fled from him. We’ve all been there, intimidated by the boss. Then another man approached him, tying his apron on his way.

“Jack, sorry mate you can go now I didn’t realise the time that I had,” he said. Aesthetically, I presumed him to be older than Jack, he had a bigger build and less youth-like hair. He had a more “grown man” type of front to him. He quickly turned to the group of girls waiting, “Alright ladies, you lot want the usual pitcher of sex on the beach?” They all nodded. “Yep, I remembered, and no glasses just straws because you drink it out the jug,” he pointed to them.

 
“That’s the one!” One of the women replied.

“And remember, jugs not drugs ladies!” He shouted as he handed them their pitchers. Smooth. This was definitely a student bar. He made his way over to another customer when one of the girls came back and shouted, “Pierre!” He turned, I turned. That was him. She whispered in his ear and pointed at a bottle of wine, the wine I just had.

“Later, later. I can’t right now,” he replied. The girl wandered off and he turned around shaking his head- agitated. I called him over and asked for the same drink.

“You look a bit, riled up. Everything alright?” I added.

As he poured my drink, he replied, “Women mate, you give them a free bottle of wine once and they think they can just ask me to keep giving it them. Once is alright, makes them like the place more you know what I mean? Makes them come back. But if I get caught then it’s out my wages.”

“Yeah, what’s your name sorry? Can’t make it out from the badge.” I had to clarify that this was the right guy, everything was adding up so far. I could imagine her, walking in here desperate for a drink then receiving a free bottle, knowing to keep this guy close.

 
“Pierre, Pierre Lincoln. Probably the only one round here, its French after my Grandad.” Nice, bit of cultural information off him as well. But I already knew all that I wanted to know. I continued the small talk for a little while, he didn’t seem the worst of people, it was too soon to pin him as a killer.

 
As I’ve mentioned, I’m no detective, I could only do so much. So I gave the information of him to the police, told them about what had occurred at Gerald’s house.

Following days later, I received a knock on my door.

“Can I come in?” It was Detective Scofield, I’d met him a few times before. I widened the door to gesture him inside. “Look Ritter, we’ve thought about what you’ve said, and the evidence for what you’ve said is all there,” he sat himself down, “But what I’m thinking is, if we just go straight in with this guy and ask him questions about that night.”

“So, are you just going to ignore what I told you? Let an innocent man go to jail?”

“No,” he raised his voice slightly. “I came to you because, we need you to do some covert research.” I took a seat opposite him.

“Go on,” I responded.

“This guy can easily deny knowing Josie Buchanan, the evidence isn’t strong enough to be pointed directly at him. You said that you met this guy. Get to know him better. Dig deeper. Try and get him to talk about her.” He paused for me to reply, but, was he asking me to act?

 
“You do realise this isn’t in my job description Detective?”

 
“Yeah well, you’re doing a good job so far. We’ll attach microphones to you discreetly and get a member of the team to listen for anything suspicious, you just have to be-”

“The puppet.”

“The manipulator. A much stronger title,” he smirked, “You can manipulate a judge in court, you can manipulate a young chap in a bar.” He made sense, Pierre could have easily said he didn’t know her and that he was working that night. He would be lying of course, but we couldn’t prove that.

 
“Fine,” I declared. He patted me on the back and rose from his seat.

“Excellent! Knew we could count on you Ritter. One more thing though, don’t tell Gerald. He is still a suspect after all.” With that, he left.
 
 

Angling for Justice © Copyright Kelsey Cromwell.

 

  

CAPITOLO 4

Quella notte ero seduto in cucina con un bicchiere di champagne e quando lo finii, pensai “Wow, mi serve davvero un’altra bevuta”. Forse questo caso stava trasformando persino me in un alcolista, ma questa cosa mi fece pensare, se mi fossi infiltrato per i locali di York, forse lo avrei trovato. Sarebbe stato come trovare “un ago in un pagliaio”, dice un vecchio proverbio. Sarei rimasto fuori tutta la notte: non nascondo che la cosa mi piacesse, ma non ero più giovane come una volta. Di sicuro c’erano molti locali a York, ma dubitavo che ci fossero tanti Pierre’s. Personalmente, non sono un fan dei social media, ma in questo caso li usai a mio vantaggio. Cercai il sito “People Talk” a cui mi ero unito un anno fa e per cui avevo presto perso interesse. Scorrevo soltanto le noiose storie delle solite vecchie persone che non combinavano nulla, o di quelle che riuscivano a combinare qualcosa ma sceglievano di postarlo sul sito prima di dirlo alle loro famiglie. Strano.

Ad ogni modo, cercai solo “Pierre”, era tutto quello che mi bastava. Scorrendo un po’, venne fuori un Pierre Lincoln, diceva che viveva a York e lavorava al Lola’s Bar. Sapevo che c’ero vicino, tutto tornava, così mi misi il cappotto, preparai la mappa sul mio teleofono e andai.

Se dovessi riassumere il posto in tre parole: claustrofobico, volgare, neon. Anche se il neon potrebbe rientrare nella categoria “volgare”. Sono un uomo equilibrato, tutto in moderazione. La quantità di luci neon in questo posto non era moderato, se si tiene conto che il locale era piuttosto piccolo. Facevo fatica a vedere per via del fumo nella stanza, che era colorato di rosso dalle luci. La gente lì dentro sembrava giovane, sui vent’anni o anche meno. Mi sedetti su uno sgabello alla fine del locale e arrivò un ragazzo con i capelli ricci e dei ridicoli denti bianchi. Ad essere onesti poteva anche essere l’effetto delle luci. Strinsi gli occhi disperatamente per leggere la sua targhetta, J… Ja… Jad?

“Ci sono problemi, signore?”, disse, almeno era educato.

“Oh, scusami”, risi, “sto solo cercando di leggere il tuo nome ma è difficile vedere qui dentro”.

“Jack”, sorrise.

“Jack, prenderò un bichiere del vostro vino migliore, per favore”.

“Lei è un tipo da vino?”, domandò.

“Da vino e champagne in realtà”, risposi, lui annuì. Mentre versava la bottiglia nel bicchiere, notai che il vetro aveva la stessa particolare forma delle bottiglie trovate da Josie. Doveva essere il posto in cui prendeva la sua dose.

Un tipo molto più anziano del primo si avvicinò, non riuscivo a sentire cosa dicesse per via della musica, ma sentii la risposta di Jack: “Sì, tornerà presto dalla pausa, così io potrò andare”. Poi l’uomo più anziano andò via.

“Chi era quello?”, domandai.

“Oh, è solo il capo, vorrei fare una pausa presto, ma aspetto che torni un altro ragazzo”.

“Come si chiamava?”, chiesi ancora. Sembrò confuso dalla mia domanda.

“Martin. Perché? Non ci sono problemi, vero signore? Perché eventualmente glieli risolvo io, lo giuro…”

“No, è tutto a posto, grazie”, accennai un brusco sorriso. Il panico lo abbandonò. Ci siamo passati tutti, intimiditi dal capo. Poi si avvicinò un altro uomo, che si legava il grembiule mentre camminava.

“Jack, scusa amico, puoi andare ora, non mi ero accorto del tempo a disposizione”, disse. Dall’aspetto fisico, immaginai che lui fosse più grande di Jack, aveva una corporatura più robusta e meno capelli da giovane. Aveva più l’aria di un uomo cresciuto a confronto. Velocemente si girò verso il gruppo di ragazze che lo aspettavano: “D’accordo signore, volete la solita caraffa di Sex on the beach?” Tutte annuirono, “Sì, mi ricordavo e niente bicchieri, solo cannucce perché voi bevete dalla brocca”, le indicò.

“Esatto”, rispose una delle donne.

“E ricordate, brocche non droghe, signore!”, gridò mentre gli serviva le caraffe. Affascinante. Era sicuramente un bar di studenti. Si diresse verso un altro cliente, quando una delle ragazze lo chiamò e gridò: “Pierre!”. Lui si voltò, io mi voltai. Era lui. Lei bisbigliò al suo orecchio e indicò la bottiglia di vino, lo stesso che avevo preso io.

“Dopo, dopo, non posso adesso”, rispose. La ragazza si allontanò e si girò scuotendo la testa in modo agitato. Lo chiamai e gli chiesi la stessa cosa.

“Sembri un po’ contrariato, va tutto bene?”, aggiunsi.

Mentre mi versava da bere rispose: “Le donne, amico, gli dai una bottiglia di vino una volta e loro pensano di poterti chiedere di continuare. Una volta va bene, gli fa piacere di più il posto, sa cosa intendo? Le fa tornare. Ma se mi beccano, lo scalano dalla paga”.

“Eh sì, qual è il tuo nome scusa? Non riesco a capirlo dalla targhetta”. Dovevo assicurarmi che fosse il ragazzo giusto, stava succedendo tutto velocemente. Riuscivo a immaginarmela mentre entrava qui dentro disperata per avere una bevuta e ricevere una bottiglia gratis, visto che conosceva intimamente questo tizio.

“Pierre, Pierre Lincoln. Probabilmente l’unico da queste parti, è francese, l’ho preso da mio nonno”. Ottimo, anche delle informazioni culturali sul suo conto, ma sapevo già quello che volevo. Continuai a chiacchierare per un po’, non sembrava una cattiva persona, era troppo presto per definirlo un assassino.

Ma come ho già detto, io non sono un detective e questo era il massimo che potessi fare, perciò diedi le informazioni su di lui alla polizia e raccontai cos’era successo da Gerald.

Nei giorni seguenti, qualcuno bussò alla mia porta.

“Posso entrare?”, era il detective Scofield, lo avevo incontrato qualche volta in passato. Aprii la porta per indicargli di entrare. “Ascolti Ritter, abbiamo riflettuto su quello che ha detto e la prova ci sarebbe”, si sedette, “ma stavo pensando di comportarmi onestamente con questo ragazzo e fargli delle domande su quella notte”.

“Perciò ignorerete quello che vi ho detto? Lascerete andare in galera un innocente?

“No”, alzò leggermente la voce. “Sono venuto perché abbiamo bisogno che lei faccia qualche ricerca in segreto”. Mi sedetti accanto a lui.

“Vada avanti”, risposi.

“Questo ragazzo potrebbe facilmente negare di conoscere Josie Buchanan, non c’è una prova schiacciante che riconduce a lui. Ha detto di avere incontrato questo tipo. Cerchi di conoscerlo meglio, vada più a fondo, provi a farlo parlare di lei”. Si fermò per farmi rispondere, mi stava chiedendo di entrare in azione?

“Lei si rende conto che il mio lavoro non corrisponde alla descrizione di Detective?”

“Sì, beh, ha fatto un bel lavoro finora. Le sistemeremo dei microfoni nascosti e un membro della squadra ascolterà per cercare qualcosa di sospetto, lei deve solo essere…”

“Il burattino”.

“Il manipolatore, un titolo molto più valido”, sogghignò. “Sa manipolare un giudice in tribunale, saprà manipolare un giovanotto al bar”. Aveva senso, Pierre avrebbe potuto facilmente dire di non conoscerla e che quella notte lavorava. Avrebbe sicuramente mentito, ma noi non potevamo provarlo.

“D’accordo”, dichiarai. Lui mi diede un colpetto sulla spalla e si alzò.

“Eccellente! Sapevamo di poter contare su di lei, Ritter. Ancora una cosa, non lo dica a Gerald. È ancora un sospettato dopo tutto”. Detto ciò, se ne andò.
 
 

A caccia di giustizia © Copyright traduzione Michela D’Amico.

 

Vota questa traduzione!
[Voti: 0    Media Voto: 0/5]

 

Lascia un commento!